Nessun prodotto nel carrello.

Nessun prodotto nel carrello.

15 Giugno 2022 by Superadmin 0 Comments

Perchè i bambini prendono i pidocchi a scuola?

Finisce la scuola e si è pronti per un meritato periodo di ferie, vacanze, relax e divertimento.
Ciò a cui spesso però non ci si prepara sono i pidocchi che, specialmente al rientro a scuola, sono sempre in agguato e iniziano a spuntare sulle teste dei propri bambini.

Come mai è facile contrarre i pidocchi a scuola?

Contrarre i pidocchi a scuola è molto frequente, nei bambini e anche negli insegnanti. Ma come mai è così semplice avere i pidocchi a scuola? La risposta è molto semplice: in ambienti al chiuso, dove i bambini stanno frequentemente a contatto tra loro, svolgono attività di gruppo è facile che avvenga la trasmissione di pidocchi.

Come avviene la trasmissione di pidocchi a scuola?

Come detto in precedenza, in seguito ai frequenti contatti tra bambini, a sua volta è semplice che le loro teste vengano di conseguenza a contatto. Avverrebbe quindi una trasmissione diretta da testa in testa. Un altro caso anche abbastanza importante e da non sottovalutare è mediante lo scambio di oggetti personali. Lo sappiamo, i bambini a scuola tendono a condividere molte cose tra loro. A partire dai loro materiali scolastici e, specialmente in inverno, anche alcuni capi d’abbigliamento. Questi ultimi, come cappelli, sciarpe, cerchietti ed elastici, possono essere dei veri e propri “portatori di pidocchi“. Infatti, nel caso in cui un bambino con una infestazione di pidocchi nel capo condivida il proprio cappello con un bambino senza pidocchi, è molto probabile avvenga una conseguente trasmissione. Questo perchè i pidocchi sono in grado di sopravvivere per un breve periodo anche al di fuori delle teste dell’uomo. Questa sarebbe considerata una trasmissione indiretta.

Come bisogna agire in caso di pidocchi a scuola?

Nel caso in cui ci sia una infestazione di pidocchi a scuola nella classe di tuo figlio ? Qualora tuo figlio non dovesse avere i pidocchi, inizia a valutare di adoperare un trattamento antipediculosi preventivo su tuo figlio. Spiega a tuo figlio cos’è la pediculosi e alcuni comportamenti da adottare in classe (come evitare lo scambio di oggetti personali e i contatti troppo ravvicinati con i suoi compagni)
Nel caso in cui invece, tuo figlio avesse già i pidocchi, dovrai sicuramente intervenire con le apposite cure. Utilizzare il nostro Kit naturale per il trattamento dei pidocchi sicuramente ti darà una mano ad eliminare i pidocchi nel breve tempo possibile, inoltre tutto in modo naturale, senza rischi e senza conseguenze alla salute (al contrario di tutti i kit chimici contenenti insetticidi aggressivi).
Ultima cosa, ma non per importanza, attenersi al regolamento della scuola e ciò che dice il Ministero della Salute al fine di reintegrare il proprio bambino o la propria bambina a scuola ed in sicurezza.

In conclusione

E’ sempre molto probabile ogni anno con gli inizi della scuola che i propri bambini contraggano i pidocchi. Di conseguenza diventa necessario iniziare a svolgere delle azioni preventive che vadano a limitare le probabilità di infestazione da parte dei temuti parassiti. Utilizzare prodotti naturali, privi di sostanze chimiche è un plus che fa la differenza.
Infatti, oltre a rimuovere con qualsiasi probabilità la possibilità di rischi sulla salute del bambino e quella dei capelli, se utilizzati correttamente andranno anche a diminuire notevolmente le probabilità di contrarre i pidocchi. Tutto ciò creando un ambiente sfavorevole alla vita del pidocchio, che qualora dovesse comunque riuscire ad approdare in testa, non troverebbe sicuramente vita semplice e si sarebbe in grado di agire e di eliminare il problema subito in partenza.

Noi consigliamo i nostri prodotti naturali della linea Louse Buster, che svolgono una azione preventiva e allo stesso tempo trattano e curano la problematica. Oltretutto, sono stati classificati come dispositivi medici di classe 1 da parte del Ministero della Salute.
Spiega sempre a tuo figlio cosa sono i pidocchi e cosa fare per evitarli, adottate tecniche di prevenzione che non implicano l’utilizzo di prodotti (che comunque sono essenziali).